Newsletter
Ricevi tutte le novità sull'Oktoberfest!

Monaco di Baviera

monaco-di-bavieraQuando pensiamo a Monaco di Baviera subito la nostra mente si immagina birrerie accoglienti, volti rubicondi e cordiali e palazzi antichi che raccontano la storia di un passato glorioso.

Ebbene si, Monaco è proprio così come ce la immaginiamo… Patria del celeberrimo Oktoberfest, può essere tranquillamente definita come la “seconda capitale della Germania“, dove le antiche tradizioni convivono tutt’ora con le nuove.

Il centro storico, infatti, è l’esempio più concreto di questa fusione tra passato e presente; nella piazza centrale si trovano l’Alte e il Neue Rathaus, ossia il vecchio ed il nuovo municipio, uno costruito intorno al 1400, l’altro, più recente, del 1900. due municipi disegnano un percorso interessante nella storia della città, attraverso l’architettura gotica che ha dato a Monaco di Baviera una bellezza senza tempo.

La città è stata luogo di passaggio di alcuni tra i personaggi più importanti della storia: un esempio è il grande compositore Wolfgan Amadeus Mozart, che a Monaco cercò un lavoro presso la corte della famiglia Wittelsbach, governatori della città per circa 800 anni.

Visita Guidata di Monaco a soli 15€ »

Monaco in generale

Monaco-di-Baviera-oktoberfestMonaco è la terza città della Germania per numero di abitanti, dopo Berlino e Amburgo.

Come la Baviera, anche Monaco è una realtà dalle mille facce, apparentemente molto distanti tra loro, eppure capaci di creare una speciale atmosfera che avvolge la città, rendendola irresistibile ed affascinante.

Basti pensare che, in testa alle città preferite dai tedeschi c’è, ormai da diversi anni, proprio Monaco, situata a centinaia di km dall’amata-odiata Berlino, nel profondo sud della Germania.

Monaco è la “seconda capitale” del paese, la Milano tedesca, la “metropoli del cuore” o, secondo una felice definizione, la “città più settentrionale d’Italia” ed è un importante centro turistico e congressuale che ospita prestigiosi musei: il Deutsches Museum, il più grande museo della scienza e della tecnica al mondo, e la Pinakothek der Moderne, la più prestigiosa collezione d’arte moderna e contemporanea della Germania.

Il motore economico non è solo il settore della cultura: qui hanno sede la Siemens, le assicurazioni Allianz, la Munich Re, l’Ufficio Brevetti dell’Unione Europea, la BMW, gli studi televisivi-cinematografici della Bavaria Film e qui si trova il maggior numero di case editrici al mondo dopo New York.

E’ una città molto curata, ordinata, per tutti i gusti e per tutte le tasche: grandi alberghi e piccole pensioni a gestione famigliare, eleganti signore che fanno shopping nella Maximilianstraße e giovani che prendono il sole nudi nei centralissimi Englischer Garten o al Feringasee, una ricca stagione teatrale e concertistica ed un’altrettanto fitto calendario di concerti pop e rock…qui si mescolano insieme tradizione e modernità, attaccamento alla propria secolare storia ma anche un attento sguardo rivolto al futuro.

Geografia di Monaco

geografia-monacoBagnata dal fiume Isar, Monaco si trova ad un altitudine di circa 500 mt sul livello del mare, vicino alle alpi bavaresi. La città è caratterizzata da un clima estremamente variabile con frequenti precipitazioni. Non è raro che si alternino temperature fortemente al di sotto della norma a temperature fortemente al di sopra. Specie durante le mezze stagioni (ad esempio durante il periodo dell’Oktoberfest) è sempre consigliato essere attrezzati per tutte le temperature. La città è situata nel cuore dell’altopiano bavarese, nelle immediate vicinanze delle Alpi bavaresi, nel sud della Germania, lungo le rive del fiume Isar, che la bagna. I dintorni della città sono disseminati di boschi di conifere e di laghi, tra cui il lago di Starnberg a sudovest. Dista 495 km da Berlino e 616 km da Amburgo.

Cosa Vedere a Monaco

Deutsches Museum di Monaco di Baviera

deutsches-museum-monacoIl Deutsches Museum di Monaco di Baviera è senza dubbio il più grande museo della tecnologia e della scienza mai realizzato al mondo,e conta al suo interno circa 28000 oggetti esposti. Il museo venne costruito nel 1903 per volontà dell’ingegnere Oskar Von Miller sulla piccola Isola Kohleinsel (isola del carbone), rinominata successivamente Museumsinsel (isola del museo).

La sede centrale del museo, infatti, sorge in mezzo al fiume Isar che attraversa tutta la città di Monaco di Baviera. Il Deutsches Museum di Monaco di Baviera è un’attrazione speciale sia per i grandi che per i più piccini, per i quali sono state allestite particolari attrazioni, sorprese e giochi all’interno del museo. Passeggiando nelle sale potrete vedere i primi modelli di invenzioni, che oggi sono parte integrante della vita di tutti i giorni: dalla prima automobile a motore di Benz, al primo motore diesel, fino alla prima apparecchiatura utilizzata per scoprire la fissione nucleare.

Neues Rathaus e Altes Rathaus

9806762-neues-rathaus-a-notte-marienplatz-monaco-di-baviera-germaniaIl Vecchio ed il Nuovo Municipio di Monaco sono sicuramente gli edifici più belli ed interessanti del centro città ai lati della Marienplatz.

Sulla facciata del Nuovo Municipio troviamo il famoso orologio-carillon abbellito da statue animate, il Glockenspiel, che alle 11 e alle 12 in punto (in estate anche alle 17) regala ai turisti uno spettacolo suggestivo: le campane iniziano a suonare e i personaggi che si trovano sulla facciata iniziano a muoversi per la gioia dei turisti che restano con il naso per aria. I movimenti delle statuette richiamano il tradizionale ballo messo in scena dai mercanti di cavalli per scongiurare la peste.

Il Vecchio Municipio, invece, è stato quasi totalmente ricostruito dopo la guerra, cercando comunque di mantenere lo stile originario della costruzione. Al suo interno possiamo trovare una collezione di antichi giocattoli e dalla cima della costruzione si può osservare tutta Monaco dall’alto. Lo spettacolo è suggestivo, ma i 306 gradini da salire per arrivare fino in cima potrebbero non essere altrettanto piacevoli. La piazza è dominata dal campanile di Alter Peter, meglio nota come la Peterskirche (Chiesa di San Pietro), la Chiesa più antica di tutta la città.

Englischer Garten

Englischer-Garten-munchenIl bellissimo giardino all’inglese Englischer Garten è considerato senza dubbio il “polmone verde” della città e, con la sua estensione di ben quattro chilometri, è considerato il più grande parco del mondo.

Realizzato nel 1789 come giardino riservato ai militari, nei primi anni dell’800 viene aperto anche ai civili, divenendo il primo parco pubblico della Germania.

Una particolarità di questo parco è che, al suo interno, ospita una zona riservata ai nudisti: in estate, infatti, l’Englischer Garten è meta gettonatissima da tutti coloro che amano godersi un po’ di sole, nuotare o passare semplicemente qualche ora a contatto con la natura. Sempre al suo interno, è possibile ammirare alcune particolari costruzioni, come il “Japanische Teehaus“, struttura giapponese situata all’ingresso e offerta dal governo di Tokyo alla città di Monaco per le Olimpiadi del 1972, ed il tempio in tipico stile greco.

Frauenkirche

frauenkirche-monacoCostruita tra il 1468 ed il 1488 sui resti di un’antica basilica romanica, la Cattedrale di Nostra Signora (Dom zu Unserer Lieben Frau) è la costruzione che domina incontrastata la città di Monaco. Il suo aspetto imponente, cupo e severo, è accentuato dalla facciata in mattoni, accompagnata da due colonne alte ben 99 metri. La Cattedrale viene distrutta dai bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale, ma con i lavori di restauro terminati nel 1994, ha riacquistato il suo antico aspetto.

Nella pavimentazione della Chiesa c’è una mattonella sulla quale è impressa l’impronta di un piede, denominata “L’impronta del Diavolo“. Si racconta che i costruttori della Chiesa sfidarono Satana, affermando che avrebbero realizzato una Cattedrale senza finestre. Puntando lo sguardo verso l’altare dal punto in cui si trova l’orma, le finestre sono coperte dalle colonne: a quanto pare, grazie a questo stratagemma, i costruttori riuscirono a vincere la scommessa con il Diavolo, che si accorse di esser stato preso in giro soltanto dopo la consacrazione della Cattedrale.

Kunstareal

Kunstareal-monacoQuesto è il “quartiere dell’arte“, realizzato nella prima metà dell’800, con l’obiettivo di riunire e concentrare tutte le opere d’arte della città…

All’interno di questo quartiere troviamo infatti le tre pinacoteche più spettacolari e famose di tutto Monaco: Alte Pinakothek, Neue Pinakothek e Pinakothek der Moderne, dove sono custodite opere che vanno dall’arte antica (greca e romana) al Rinascimento italiano, a quelle di artisti francesi, spagnoli e fiamminghi, fino all’arte moderna di Andy Warhol, impressionismo, espressionismo e Art Nouveau.

Residenz, il palazzo reale

Palazzo reale monacoIl palazzo appartenuto alla famiglia reale Wittelsbach è sicuramente uno dei palazzi più belli e spettacolari d’Europa: l’interno, infatti, è una vera e propria opera d’arte.

La costruzione del Palazzo inizia intorno al ‘400, e viene edificato come edificio fortificato; uno degli ingressi è ispirato a Palazzo Pitti di Firenze, mentre l’ingresso principale è “sorvegliato” da quattro grandi leoni in bronzo che, secondo un’ antica leggenda, venivano accarezzati dai militari come gesto scaramantico prima di partire per la guerra.

Altre informazioni utili su Monaco

  • La moneta circolante in Germania, e quindi a Monaco, è l’Euro.
  • La rete elettrica è come quella italiana 220V e 50Hz. Seppure le prese siano diverse dall’Italia, le spine italiane a due poli (senza massa centrale) si riescono ad utilizzare senza bisogno di adattatori.
  • prefisso di Monaco: 89 (preceduto dallo 0049 prefisso per la Germania)

Diventa Fan dell'Oktoberfest su Facebook

Parti per l'Oktoberfest!

Tantissime Soluzioni di Viaggio per l'Oktoberfest dalla tua città da soli 60€!

Già 70000 persone hanno viaggiato con NOI! Cosa aspetti? Fallo anche TU!

Trova il Viaggio
Non aprire più

You have Successfully Subscribed!

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.