Newsletter
Ricevi tutte le novità sull'Oktoberfest!

Le origini dell’Oktoberfest

primo oktoberfest

L’Oktoberfest, una delle festività più conosciute al mondo, nonché meta imperdibile per ogni viaggiatore, ha origini ben più antiche rispetto a quello che uno possa pensare. Per un momento bisogna sforzarsi di dimenticare tutti i segni della modernità che più caratterizzano queste settimane di festeggiamenti folli, e gettare nell’oblio della dimenticanza le attrazioni gigantesche che occupano il luna park, i sei capannoni più importanti e famosi adibiti alla distribuzione della birra, la polizia in ogni angolo, i maxi schermi che riportano le liriche delle canzoni popolari bavaresi per chi non le conosce, i turisti giapponesi trascinati in mezzo alle danze, i taxi e gli autobus per i turisti.

A questo punto è possibile ripercorrere la storia dell’Oktoberfest, avvenuto per la prima volta nel 1810, dal dodici al diciassette Ottobre per celebrare il matrimonio del principe Ludovico di Baviera con la principessa Teresa di Sassonia Hildburghausen. I festeggiamenti si tennero in un semplice prato, detto appunto Wiese, a venti minuti da Marienplatz. Da allora venne ribattezzano in Theresienwiese, in onore della sposa. In realtà nel primo anno lo spettacolo principale fu la corsa di cavalli, la quale si tenne ripetutamente in tutte le edizioni successive fino al 1960. Grazie al successo inaspettato del primo anno, si decise di ripetere la celebrazione, apportandovi modifiche anno dopo anno, fino a darle la forma attuale. Nel 1811 venne aggiunta una fiera agricola, detta Festa centrale dell’agricoltura , la quale si tiene ormai solo ogni tre anni, volta a promuovere l’agricoltura bavarese , di fondamentale importanza per l’economia della regione. Oggi si tiene ogni quattro anni nel settore sud del parco. Nel 1818 vennero costruite le prime altalene.

Nei primi anni il tutto aveva luogo in piccole baracche in cui venivano distribuite le prime birre, e solo nel 1850 la statua della Baviera venne portata nel Theresienwiese, mentre il Mass, il classico bicchiere da un litro, venne introdotto nel 1892. Una piccolo dettaglio: ogni cameriere deve essere in grado di portarne dieci contemporaneamente. La vera rivoluzione ebbe luogo nel 1896, quando un’unione di osti e produttori di birra imposero i primi tendoni in sostituzione alle vecchie baracche ormai fatiscenti.

storia oktoberfest - 1850

Nel ventesimo secolo l’Oktoberfest ebbe una battuta d’arresto a causa di guerre, crisi economiche e carestie. Nel 1950 il primo cittadino in carica, Thomas Wimmer, introdusse la principale tradizione arrivata fino ai giorni nostri, O’ Zapft is! Alle dodici in punto il sindaco apre con un martello il primo barile della festa, e la birra inizia ad essere servita.
Ogni anno le celebrazioni iniziano con una parata per la città fino al Wiese in questione. Le persone che seguono il corteo sono rigorosamente vestite con abiti tradizionali, i Lederhosen per gli uomini e Dirndl per le donne. Per la prima volta si vedono gli enormi contenitori della birra di Monaco, che appartiene alla varietà Maerzen, ed è prodotta secondo rigorosi standard sanciti nel 1516, in cui vengono definiti con precisione i quattro ingredienti necessari e consentiti per la sua produzione. Questi sono orzo, luppolo, malto e lievito . A sole sei fabbriche di birra é consentito servire la birra: Augustiner, Hacker Pschorr, Hofbräu, Loewenbraeu, Paulauner, Spaten.

Nel 2012 l’Oktoberfest ha finalmente compiuto duecento anni, anche se un po’ in ritardo, date le frequenti battute d’arresto subite nel secolo scorso. Negli ultimi decenni ha visto aumentare incredibilmente il numero di visitatori, soprattutto grazie al sempre maggiore numero di turisti stranieri. Si presenta quindi come un evento immancabile, soprattutto per sperimentare una calorosa festa popolare tedesca difficilmente imitabile e superabile.

Annalisa Eichholzer

Annalisa Eichholzer, 21 anni studia Lingue e letterature straniere.
Ventun anni, studia Letteratura inglese e tedesca all'università di Pavia. Ama viaggiare, le commedie di Woody Allen, Ryanair e le vecchie librerie. Il sogno nel cassetto: Lonely Planet.

Latest posts by Annalisa Eichholzer (see all)

Diventa Fan dell'Oktoberfest su Facebook

I commenti sono chiusi

Parti per l'Oktoberfest!

Tantissime Soluzioni di Viaggio per l'Oktoberfest dalla tua città da soli 60€!

Già 70000 persone hanno viaggiato con NOI! Cosa aspetti? Fallo anche TU!

Trova il Viaggio
Non aprire più

You have Successfully Subscribed!

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.